21/03/2012
Lo scalpo dell'articolo 18 per la BCE

Su temi delicatissimi quali il lavoro e i diritti dei lavoratori tra governo e parti sociali si sta consumando una commedia degli equivoci. Questa trattativa è iniziata parlando dei giovani, riconoscendone l’insopportabile condizione di precarietà e la totale assenza di diritti che interessa le false partite Iva e le 46 forme contrattuali di assunzione a tempo. L’evoluzione del tavolo tra esecutivo e sindacati sta andando purtroppo nella direzione opposta”.

Lo affermano in una nota congiunta il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, e il responsabile lavoro e welfare del partito, Maurizio Zipponi, che aggiungono: “L’IdV ha proposto e propone di intervenire sui 4 milioni di giovani precari, coprendo i buchi contributivi e retributivi generati dalle continue interruzioni del rapporto di lavoro. Oggi a palazzo Chigi non si parla di questo, ma, al contrario, si abolisce la mobilità, la cassa straordinaria per le aziende in grave difficoltà e poi quella in deroga per tutte le imprese che nel 2008 ne erano escluse. Si sostituisce tutto questo con una nuova assicurazione che, al massimo, dura 18 mesi e che coprirà una fascia sociale meno ampia rispetto a quella coperta con la cassa in deroga dal governo Lega-Berlusconi”.

Spiegano Di Pietro e Zipponi: “Sull’articolo 18 si sta riversando il solito e pericoloso accanimento ideologico. Ricordiamo, infatti, ai signori del governo che si tratta di una norma di civiltà che prevede il reintegro sul posto di lavoro per coloro che sono ingiustamente licenziati e che lavorano in aziende con più di 15 dipendenti. Stiamo parlando di circa cinquanta casi all’anno in tutta Italia. E’ evidente, quindi, che il governo non ha un soldo da investire sui giovani e su un nuovo welfare veramente europeo e preferisce colpire l’articolo 18, ben sapendo che anche se questo fosse modificato o abrogato, come vuole la destra estrema del Paese, non vi sarebbe nessuna crescita. Non è intaccando i diritti di chi lavora che si migliora l’economia italiana, ma combattendo corruzione ed evasione fiscale, riducendo drasticamente la burocrazia e garantendo finalmente l’accesso al credito alle piccole e medie imprese”. “Insomma – concludono – l’esecutivo rimanda ad epoca lontana i nuovi ammortizzatori sociali, ma interviene da subito sull’art.18, trasformandolo in una specie di scalpo da consegnare alla Bce e non certo all’Europa che è ben attenta a non colpire, in questa fase delicatissima,  i diritti e le capacità di consumo delle famiglie e dei lavoratori”.

TUTTE LE NEWS
Governance sanitaria e ruolo dell’ingegneria clinica: oggi convegno a Reggio Calabria
16/03/2016 - Presso la sala conferenze Confindustria a Reggio Calabria oggi alle 17 si terrà una tavola rotonda "governance sanitaria" sul ruolo dell ingegneria clinica. La tavola rotonda è organizzata dalla Fondazione Mediterranea e da Officina Calabria con il patrocinio degli Ordini professionali dei Medici e degli Ingegneri, del Dipartimento di Ingegneria dell Università Mediterranea, [...]
Giordano (Idv), fermare bitumificio di Campo Calabro
11/06/2014 - ''Il grave problema del bitumificio di Campo Calabro (Rc) poteva essere risolto gia' da tempo se gli enti territorialmente competenti avessero avuto coscienza della problematica ambientale che poteva determinarsi''. Il consigliere regionale della Calabria, Giuseppe Giordano (IDV ), alla luce degli ultimi sviluppi dell'iter burocratico, sul quale, peraltro, aveva presentato una interrogazione [...]
GIORDANO SU COMUNICATORE OCULARI
21/10/2012 - “La problematica sollevata con una mia interrogazione consiliare sullo stato di attuazione del progetto finalizzato  all’acquisto di comunicatori oculari per pazienti affetti da SLA, ha avuto un riscontro positivo anche se ancora la procedura non ha trovato  piena attuazione”. E’ quanto afferma  Il consigliere di Italia dei Valori, Giuseppe Giordano, [...]
Abbiamo scritto a Napolitano
21/03/2012 - http://www.italiadeivalori.it/interna/12718-abbiamo-scritto-a-napolitano   La Ragioneria Generale dello Stato (l’organo che verifica le coperture dei provvedimenti legislativi) ha bocciato ben cinque articoli del decreto liberalizzazioni. Un fatto grave, ma che il governo e le altre forze politiche stavano tentando di far passare inosservato.  A Squarciare "il muro di [...]
Basta Casta: referendum!
21/03/2012 -  "L'Italia dei Valori sta mettendo a punto il quesito referendario per abrogare l'attuale legge sul finanziamento pubblico dei partiti”. Con questo messaggio su Twitter, mentre in contemporanea alla Camera l'IdV teneva una conferenza stampa per annunciare l'iniziativa, il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, ha lanciato la prossima grande battaglia IdV.  Mentre [...]
1
2